Crea sito

DESCRIZIONE

Dentro il quadro … descrivere i luoghi (terza parte)

L’attività sulla descrizione dei luoghi è continuata con un’attività,riveduta e corretta, presa dal libro edito dalla Erickson, “Didattica delle competenze linguistiche”.

Diapositiva1

Ho fatto visionare agli alunni il seguente video sul famoso quadro “La notte stellata” di Van Gogh:

Da qui siamo partiti per costruire due tabelle :
una riferita ai dati sensoriali e una agli indicatori spaziali.

Diapositiva2

Diapositiva3

Avendo come bagaglio i due schemi ognuno ha immaginato di essere nel quadro e ha descritto tutto ciò che vedevano.

Infine i ragazzi hanno rielaborato la Notte stellata con la tecnica e i colori che volevano. Ecco una piccola anteprima ( bisogna cliccare sull’immagine per far partire la presentazione).

Buona notte stellata!

Da Hogwarts alla nostra scuola per descrivere i luoghi (seconda parte)

 
Come continuare il lavoro sulle descrizioni di ambienti ?

Ci siamo immersi nelle atmosfere magiche di Hogwarts, andando a sbirciare nella scuola di magia più famosa al mondo: quella di Harry Potter!

Alla LIM ho fatto visionare due piccoli video:

il trailer del primo film

e la scena dello smistamento nelle varie case:

A questo punto abbiamo realizzato assieme una mappa mentale

2014-10-07 11.27.25

Solo dopo aver riorganizzato le idee siamo passati alla descrizione della scuola . In questo caso si è deciso di fare un lavoro collettivo.

A questo punto abbiamo anche accennato a come si costruisce una pubblicità: come si costruisce uno slogan, quali sono gli scopi .

Ecco uno dei volantini pubblicitari in work in progress:

hp

Le attività sono continuate con la descrizione della propria scuola e con la realizzazione di un testo fantastico: “La giornata di uno studente nel 2999”.

Per ora è tutto.
La terza parte riguarderà la descrizione di ambienti e la notte stellata di Van Gogh!

A presto,
Gabriella

Tra personificazioni e metafore per descrivere i luoghi ( prima parte)

Dopo il lavoro sulla descrizione di se stessi , abbiamo continuato il nostro percorso di scrittura, immergendoci nelle descrizioni di luoghi, analizzando metafore, personificazioni , descrivendoli in modo oggettivo e soggettivo.

Il percorso è iniziato con la poesia di Herman Hesse “Autuunno”:

Triste il giardino: fresca
scende ai fiori la pioggia.
Silenziosa trema
l’estate, declinando alla sua fine.

Gocciano foglie d’oro
giù dalla grande acacia.
Ride attonita e smorta
l’estate dentro il suo morente sogno.

S’attarda fra le rose,
pensando alla sua pace;
lentamente socchiude
i grandi occhi pesanti di stanchezza.

1 strofa

Ho scelto questa poesia, oltre per la sua bellezza oggettiva, perchè ha all’interno diverse personificazioni.

Il primo momento , con i ragazzi,è stato utilizzato per cercare all’interno della poesia le personificazioni e poi per illustrarla, una sorta di parafrasi illustrata!

Un’altra attività realizzata, seguendo le idee della prof. Cristina Galizia , trovate nel suo blog Arringo, è quella di lavorare sul brano di Fiorella Mannoia “Il cielo d’Irlanda” , testo ricco di metafore e personificazioni.

Ho fatto vedere questo video alla Lim:

in tabella abbiamo inserito le metafore e le personificazioni presenti nel testo della canzone .

Ultimo compito: a coppie manipolare il testo per creare ” Il cielo di … ( la propria città di residenza)”.

La riflessione su come descrivere i luoghi è poi continuata a … Hogwarts! Ma questo sarà in un altro post …

A presto,
Gabriella

Posted in DIDATTICA, ITALIANO | Commenti disabilitati su Tra personificazioni e metafore per descrivere i luoghi ( prima parte)